Giovanni Ciacci al Grande Fratello Vip: il bullismo nella nostra società

1024 590 Stancamente Mamma

Vedo da anni pochissima televisione, quindi non sono mai troppo aggiornata sui fatti.

Ma oggi aprendo il Web è impossibile non imbattersi in quello che è capitato al grande fratello.

Un concorrente, Marco Bellavia, che io ricordo con moltissimo affetto perché legato alla mia infanzia, dichiarando di soffrire di depressione è stato violentemente bullizzato dai concorrenti.

Lo stanno commentando in molti questo avvenimento, con una buona dose di ipocrisia anche. Ipocrisia perché sicuramente gli autori del programma avrebbero avuto il dovere di intervenire ben prima, visto che era una persona che stava palesemente soffrendo molto e che veniva isolato, vessato e aggredito da un branco di bestie. Come azienda avrebbero dovuto tutelarlo, invece il dolore ha comunque fatto gioco e audience finché si è potuto, fino all’ultimo centesimo.

Ipocrisia perché questo accade ogni singolo giorno e sempre di più davanti al dolore delle persone.

Può essere un dolore dell’anima, un dolore davanti a una perdita oggettiva, un dolore di qualsiasi genere. Spesso ti si crea il vuoto attorno. L’ho vissuto in ufficio quando in una notte ho perso mio padre, l’ho visto su mio figlio quando nel primo asilo in cui l’ho iscritto non riusciva ad integrarsi nel gruppo. Ho visto l’indifferenza degli insegnanti, il gelo delle altre madri davanti alle sue lacrime fuori da scuola. Non ce ne è stata una che si sia avvicinata e mi abbia chiesto cosa sta succedendo.

L’ho visto ogni volta che da mamma ho attraversato delle difficoltà e mi sono sentita ridere in faccia. Perché le ‘vere’ mamme, quelle tutte d’un pezzo almeno, non si lamentano mai, non stanno mai male.’ Se da mamma stai male, hai anche il resto, come si suol dire, perché un figlio cosa l’hai fatto a fare. Rimboccati le maniche e taci.

I media si riempiono la bocca con la società inclusiva, la società che non lascia indietro nessuno.

Io lo vedo anche su questa pagina che è una società che ne lascia invece indietro tanti, troppi.

Parlo delle mamme perché qui tratto questo tema, ma si può tristemente estendere a tutte le persone che per un tratto almeno della loro vita attraversano la notte senza mai una mano tesa, senza un barlume di speranza. Ed è pieno, fuori da Instagram e fuori dalla finta perfezione dei social di gente che obiettivamente di umano non ha più nemmeno lo sguardo.

Spero che vi sia piaciuto questo articolo dedicato al tema Giovanni Ciacci al Grande Fratello, il bullismo nella nostra società: se vi fa piacere lasciate i vostri commenti qua sotto.

Se vuoi unirti al nostro gruppo privato “Stancamente Mamma / La stanza segreta”… CLICCA QUI

… Perchè nasce Stancamente Mamma[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti